Primi giorni di dicembre. Ufficialmente entrata in modalità Avvento. Prima degli altri anni (gli ultimi almeno!). Più forte di sempre.

Sarà che quest’anno, per la prima volta, ho preparato io stessa il Calendario dell’Avvento per Margherita, che ogni giorno mi contagia con la sua attesa trepidante. O, forse, sarà merito delle diverse iniziative, una più stimolante dell’altra, di professioniste bravissime come Simona, che se ti iscrivi alla sua newsletter ogni giorno ti manda degli esercizi di scrittura, le Coccole di Natale di Valentina, che ogni mattina ti fanno chiedere perché non possa essere sempre Natale e le ispirazioni magiche del contest #gioiedinatale di Marta.

Prima di immergermi, però, completamente, nell’atmosfera delle feste, ho ancora un paio di ricette “da tutti i giorni” da proporre, di quelle che piacciono a me, a base vegetale, poco impegnative, leggere, ma, a modo loro, golose.

Ecco la prima, a base di broccoli, patate e fagioli bianchi.

***

Vediamo come procedere.

Della cottura base dei legumi te ne ho parlato qui.

La tecnica di cottura della verdura “al salto”, invece, l’abbiamo vista qui.

In questa ricetta ho saltato broccoli e patate già sbollentate e, all’ultimo, ho aggiunto dei fagioli (qui di Spagna), che avevo cotto in precedenza, lasciando insaporire il tutto qualche minuto con il liquido di cottura dei fagioli. Nulla di difficile, solo una variazione sul tema.

E’ una delle tante ricette che permettono di approntare la cena in meno di mezz’ora se hai già idee chiare e legumi a disposizione, o perché sei riuscito a portarti avanti (meal prep!) o perché magari questa volta hai deciso di usare  fagioli conservati (ogni tanto ci sta, ma ricordati di preferire quelli in vetro). Ed è tanto buona.

Mi raccomando: utilizza anche i gambi (tagliati a fettine sottili) e, se sono belle, le foglie del broccolo, eliminando solo la parte più coriacea degli uni e delle altre (qui, ad esempio, i gambi erano dolcissimi ed hanno dato davvero al piatto qualcosa in più).

Puoi servirlo con un qualsiasi cereale (integrale) in chicco, cotto per assorbimento (che magari hai pure lui già pronto in frigo (meal prep!)) o per accompagnare delle bruschette, preparate facendo tostare del pane buono, magari aromatizzato con un po’ di aglio fresco.

***

Difficoltà:  

Tempo di preparazione:

Per i fagioli di Spagna

(possono essere preparati in anticipo e conservati in frigorifero 4-5 giorni)

  • 8-12 ore per l’ammollo
  • 1,5-2 h cottura
  • 10 minuti per insaporire

Per le verdure

  • Per lavare, mondare e tagliare le verdure: 10 minuti
  • Per sbollentare le patate 10-15 minuti
  • Per saltarle: 10 minuti

Ingredienti (per 2-3 porzioni):

Per i fagioli di Spagna

  • 100 g ca. di fagioli di Spagna crudi (250-300 g già cotti)
  • 1 pezzetto di alga kombu
  • 1 pezzetto di radice di zenzero
  • 3-4 foglie di alloro
  • 1-2 spicchi di aglio
  • erbe aromatiche essiccate, sale e olio evo q.b.
  • pepe (possibilmente bianco e/o macinato fresco, comunque opzionale) q.b.

Per le verdure saltate

  • 1 testa di broccolo di medie dimensioni
  • 2 patate medie
  • 2-3 spicchi di aglio (opzionale)
  • erbe aromatiche essiccate (io ho usato un misto di erbe aromatiche essiccate a base di rosmarino, timo, salvia, alloro, origano e maggiorana)
  • qualche fiocco di peperoncino essiccato (opzionale) q.b.
  • sale marino integrale e bicarbonato q.b.

Procedimento:

Per i fagioli 

Metti a bagno i fagioli almeno 8-12 ore con un pezzettino (grande quanto un francobollo) di alga kombu, avendo cura (se ti è possibile) di cambiare l’acqua di ammollo. Getta l’acqua, sciacquali e cuocili in una pentola con fondo spesso, coperti di acqua (almeno 3 dita oltre il loro livello), insieme all’alga kombu (se giapponese puoi usare la stessa dell’ammollo, se della Bretannia è consigliabile cambiarla), lo zenzero e l’alloro. Togli la schiuma se dovesse formarsi quando arrivano ad ebollizione. Solitamente questi di Spagna impiegano tra l’ora e mezza e le due ore.

Quando saranno cotti, aggiungi 1 cucchiaino scarso di sale, qualche grano di pepe, possibilmente bianco, se ti piace, prolunga la cottura di altri 5 minuti, spegni il fuoco e lascia riposare. A questo punto puoi lasciar raffreddare e conservare i fagioli in un contenitore ermetico (se ti sei portato avanti), oppure usarli subito.

Per le verdure saltate

Lava le patate, meglio se con una spugnetta di cocco, pelale, tagliale a quadratini di 2 cm ca. per lato e sbollentale per 5-7 minuti in un’acqua leggermente salata e a cui avrai aggiunto un bel pizzico di bicarbonato. Quando saranno cotte, ma ancora sode, scolale e tienile da parte.

Nel frattempo lava il broccolo, taglia la parte delle infiorescenze in cimette da circa 2 cm, la parte inferiore delle infiorescenze in quadratini di 1,5 cm ca. e riduci i gambi veri e propri a fettine sottili, eliminando solo la parte finale più coriacea. Se il broccolo ha delle foglie e sono belle, elimina la parte finale del gambo (più dura) e utilizza la parte superiore (rimarrà croccantina, ma si può mangiare ed ha un buon sapore).

Ora salta le verdure. Poni un wok o una padella dal fondo spesso, preferibilmente di ghisa, su fuoco bassissimo. Copri il fondo con un filo di olio evo, aggiungi 2 o 3 spicchi di aglio schiacciato e una bella manciata di erbe aromatiche essiccate, finché l’aglio non sarà dorato (dato che impiega qualche minuto, puoi iniziare questa operazione mentre lavi e mondi le verdure). Se hai 2 minuti da dedicare all’operazione, inclina la padella facendo in modo che l’olio sommerga l’aglio, finché l’olio non comincerà a formare tante bollicine intorno all’aglio. A questo punto, schiaccia l’aglio con i rebbi di una forchetta e lascia fuoriuscire tutti i suoi preziosi oli essenziali. Quando sarà diventato dorato, eliminalo, raddrizza la padella, aggiungi qualche fiocco di peperoncino, alza la fiamma e prepara accanto ai fuochi i due contenitori contenenti patate e broccoli. Fai scaldare l’olio una ventina di secondi, procedi a versare tutta le patate nel wok, aggiungi un pizzico di sale e falle saltare per 2-3 minuti, girando con un cucchiaio di legno. Ora aggiungi il broccolo, un pizzico di sale e fai saltare anche lui per 2-3 minuti, sempre a fiamma alta, girando in continuazione finché sia sulle patate,  sia sui broccoli, non si sarà formata una leggera crosticina dorata. Dopo di che aggiungi i fagioli, metti ancora un bel pizzico di erbe aromatiche essiccate e un pizzico di sale, irrora il tutto con un bel mestolo di acqua di cottura dei fagioli (acqua se stai utilizzando fagioli in vaso), abbassa la fiamma al minimo, copri con un coperchio e lascia stufare 2-3 minuti o finché tutto il liquido non sarà stato assorbito (controlla se non sei tranquillo, ma fatti guidare dal rumore e dal profumo). Assaggia e aggiusta di sale se necessario.

La tua cena è pronta.

***

Se vuoi farmi sapere se questa ricetta ti è piaciuta e ti è stata utile, puoi lasciare un commento qui sotto o sui miei canali social, oppure scrivermi in privato. Se la provi (o se rifai qualunque altra ricetta del blog) e hai voglia di mostrarmela, scatta una foto e condividila su Instagram e Facebook taggando @alternativeeating.